come decapare mobile

Come decapare un mobile per restituirgli una seconda giovinezza

Se hai un mobile vecchio in casa al quale sei particolarmente affezionato non devi necessariamente disfartene anche se appare graffiato e consumato. Oggi esistono varie tecniche che ti spiegano come decapare un mobile e restituirgli un aspetto vintage e vissuto per dare tono ed eleganza ad ogni ambiente. L’arte di decapare può essere utilizzata anche su mobili di pochi anni o completamente nuovi per dargli l’aspetto desiderato. Decapare significa eliminare la vernice superficiale ed applicare la finitura desiderata per un effetto consumato molto chic, raffinato e dal romantico fascino retrò.

Come decapare un mobile: un po’ di storia

Prima di capire come decapare un mobile può essere utile conoscere la storia di quest’arte che affonda le sue radici nel 1700 all’epoca di Luigi XV. Decapare deriva dal francese “decapèr” e significa “togliere la copertura”. Gli artigiani eseguivano questa tecnica principalmente per proteggere i preziosi mobili dai tarli e lavavano la superficie con della soda. Le fessure del legno si aprivano ed al loro interno veniva passata una mano di calce per disinfestare il mobile. Oggi l’arte di decapare è stata riscoperta ed è molto diffusa tra esperti del settore ma anche tra semplici appassionati.

Decapare un mobile: attrezzatura necessaria e procedimento

Ti consiglio di effettuare questa pratica all’aria aperta poiché possono essere rilasciate sostanze tossiche provenienti da vernici e polveri sottili. Se non hai a disposizione uno spazio all’aperto arieggia il locale e proteggi mani e braccia. La strumentazione per decapare è la seguente: occhiali e guanti protettivi, spazzola metallica, pennello piatto, lana d’acciaio, carta vetrata, stucco e vernice acrilata chiara o scura.

Per iniziare carteggia con la carta vetrata il mobile per eliminare la vernice con estrema precisione, poi stucca le parti danneggiate e lascia asciugare rimuovendo l’eventuale materiale in eccesso. Spazzola la superficie seguendo la nervatura del legno così da creare dei piccoli solchi. Impregna la lana d’acciaio con pasta bianca di cera e spalmala in entrambe le direzioni facendola penetrare nei solchi.

Fai asciugare il tutto per una mezz’ora e, dopo aver immerso un pezzo di lana d’acciaio nella cera più scura, rimuovi la cera bianca secondo l’effetto che intenti ottenere. Per concludere passa una mano di lucido su tutto il mobile.

La manutenzione del mobile decapato

Per mantenere l’effetto del mobile devi garantire la giusta manutenzione, altrimenti tutto il lavoro fatto risulterà inutile. Assicurati quindi di spolverare con una certa costanza per mantenere la brillantezza e la lucentezza del legno, dopodiché passa di tanto in tanto un panno con cera di colore chiaro per i mobili.

Le varie tipologie di effetti

In base alle tue preferenze puoi ottenere diversi effetti molto suggestivi. Il più gettonato è il “shabby chic” che dona un effetto elegante e raffinato alla casa. Per gli arredi completamente bianchi lo stile ideale è il “shabby total white”, mentre il “shabby french” conferisce un’aria molto aristocratica che ricorda le ambientazioni francesi del 1800. Il “country chic” dona un effetto vagamente etnico ed elegante, mentre il “rustic worn” assicura un effetto vintage e vissuto ideale per case in campagna o di montagna.

Share this post

No comments

Add yours

Rispondi