Come restaurare un vecchio baule

Restaurare un vecchio baule non consente solo di mettere alla prova le proprie abilità nel campo del bricolage, ma permette anche di avere a disposizione un oggetto di design che può essere impiegato per arredare i diversi ambienti di una casa, dal soggiorno alla taverna, passando per la camera da letto. Il primo passo da compiere è quello di preparare e predisporre la postazione di lavoro in cui si andrà a operare: un po’ di cartoni e di vecchi fogli di giornale per terra, porte e finestre aperte per areare l’ambiente e la giusta illuminazione per non sforzare gli occhi.

Per restaurare un vecchio baule sarà opportuno tenere a portata di mano un pezzo di carta vetrata che tornerà utile per grattare le superfici, un paio di cacciaviti per estrarre e rimuovere le parti metalliche, uno straccio per pulire o un flacone di vernice spray per tinteggiare, sempre che non ci si voglia affidare a secchiello e pennello. A questo punto, quando tutto è pronto, ci si può mettere al lavoro.

Restauro baule: ecco come si fa

Come restaurare un vecchio baule Per restaurare un vecchio baule in legno è necessario, dopo averlo spolverato e pulito con cura, stuccare tutte le parti che sono rovinate, in modo tale che la tinteggiatura che sarà praticata in seguito possa assicurare i risultati desiderati. Sulla scelta delle tinte con cui colorare questo complemento d’arredo, il consiglio è quello di prendere spunto da ciò che ci circonda. Di certo il color legno, per quanto tradizionale e classico, è una certezza che permette di non sbagliare. Se però si ha voglia di un effetto shabby chic, si può propendere per le sfumature del bianco. Per uno stile vintage, invece, non c’è nulla di più indicato delle nuance del verde e del rosso, appariscenti al punto giusto e non eccessive.

Anche le decorazioni hanno un ruolo importante. I più romantici possono scegliere i fiori; le scritte possono essere però un’idea molto originale, anche perché con il fai da te le si può declinare in tanti modi diversi. Che si tratti di un aforisma famoso o di una citazione d’amore, una scritta in stampatello o in corsivo fa sempre un ottimo effetto. Va ricordato, infine, che per portare a termine il lavoro nel migliore dei modi è consigliabile spruzzare su tutto il baule, una volta tinteggiato e decorato, un po’ di lacca fissante, che permette di rendere l’effetto visivo più duraturo nel tempo. Terminato il lavoro, non avrete più un semplice baule restaurato, ma un vero e proprio pezzo unico.

I mille usi di un vecchio baule restaurato

Un oggetto versatile come un baule legno può essere utilizzato in svariati modi, oltre al classico contenitore di oggetti. Ad esempio, un vecchio baule con coperchio piatto potrebbe essere trasformato in un comodo puff. Realizzarlo è semplicissimo: prima di tutto bisognerà comprare un cuscino poco più grande del baule o della gommapiuma che poi dovrà essere foderata con la stoffa che più si abbina al colore del baule stesso. Il passo successivo sarà quello di ancorare a dovere il cuscino all’estremità superiore del nostro baule, utilizzando della colla per tessuti o delle strisce adesive molto resistenti.

Un baule in legno può anche diventare un vero e proprio complemento d’arredo. Un’idea potrebbe essere quella di riempirlo con alcuni libri antichi, tenendo l’anta aperta così da lasciare il contenuto in bella vista.

Utilizzando la tecnica del decoupage su legno e dando spazio alla fantasia, il baule potrebbe diventare una simpatica macchinina con cui far giocare i bambini. Coinvolgerli nella decorazione sarà la parte migliore del gioco. In questo modo il restauro di un baule diventerà un’attività divertente che coinvolgerà tutta la famiglia.

Share this post

1 comment

Add yours
  1. Ornella 27 giugno, 2017 at 12:50 Rispondi

    Molto bello questo articolo. Leggendolo ho preso ispirazione è ho deciso di realizzare un tavolo per il salotto con un vecchio baule che avevo. Ho dovuto semplicemente acquistare una levigatrice. Costano davvero poco, soprattutto online. Ho tolto tutto lo strato superficiale, finché la superficie è tornata come nuova. Ho collocato dei fiori finti dentro e anziché coprirlo con il coperchio originale, ho fatto realizzare una base in vetro, in modo che si veda la composizione che ho realizzato con i fiori. I miei ospiti lo hanno adorato 😀 :

Rispondi