come allontanare i piccioni dal balcone

Come allontanare i piccioni dai balconi

Le piante ed i fiori fuori ai balconi devono combattere ogni giorno contro nemici visibili ed invisibili: virus, batteri, parassiti, vento, pioggia, grandine e piccioni. Proprio questi odiosi volatili rischiano di rovinare le piante ed in alcuni casi le mangiano, soprattutto quelle che producono frutti.

In alcuni casi addirittura coppie di piccioni si stabiliscono in un vaso per deporre le uova e tenerli lontani diventa davvero complicato. Come allontanare i piccioni dal terrazzo? In commercio ci sono prodotti chimici per tenere lontani i piccioni, che però risultano dannosi per i volatili ed anche per l’ambiente circostante.

Esistono dei rimedi naturali che non provocano alcun danno e tengono alla larga i piccioni. Scopriamo quali sono quelli più efficaci.

5 metodi per allontanare i piccioni dal balcone

Materiali riflettenti: cd, carta stagnola e gufi colorati

I vecchi cd possono essere riciclati come “spaventa-piccioni”. La loro superficie riflettente infatti crea dei riflessi luminosi che infastidiscono e spaventano gli odiosi uccelli. Allo stesso modo si può usare la carta stagnola, che va ritagliata a strisce da avvolgere attorno alla ringhiera oppure da posizionare sul davanzale. A contatto col sole producono bagliori fastidiosi per i volatili.

I piccioni hanno paura dei gufi ed in particolare dei loro occhi che brillano nella notte. In commercio esistono gufi finti allontana-piccioni di varie forme e grandezze. Per migliorare le loro prestazioni è consigliabile dipingere di giallo o di arancione i loro occhi, affinché brillino di notte per tenere lontani i piccioni.

Girandole e spaventapasseri

Metodi antichi ma sempre efficaci sono le girandole e gli spaventapasseri. Le girandole colorate vanno piantate nel terreno e tengono lontani i piccioni con i colori accesi, i movimenti dettati dal vento ed i riflessi alla luce del sole.

In alternativa ci sono gli spaventapasseri, anche se il loro utilizzo è più indicato in orti e giardini di medie e grandi dimensioni. Tuttavia esistono in commercio spaventapasseri di piccole dimensioni studiati e progettati proprio per i balconi.

>>Leggi anche: Come realizzare una cuccia per cani fai da te<<

I dispositivi ad ultrasuoni

I piccioni sono più ostinati che mai e le misure suggerite finora non hanno avuto alcun effetto? Allora è il caso di ricorrere a metodi più estremi, anche se innocui: gli ultrasuoni. Questi dispositivi emettono dei rumori che l’uomo non riesce ad ascoltare, ma risultano estremamente fastidiosi per i piccioni che quindi ne restano alla larga.

Si tratta però di soluzioni piuttosto costose, quindi è consigliabile sceglierle solo se il problema è davvero molto grave e non c’è verso di allontanare i piccioni.

Spezie ed oli essenziali

I piccioni non amano l’odore di determinate spezie, soprattutto quelle piccanti. Potrebbe essere un’ottima idea lasciare sul balcone delle ciotoline di pepe, peperoncino e cannella che rappresentano una sorta di pericolo per i piccioni.

Anche gli oli essenziali emettono un odore fastidioso per i piccioni, quindi è un’ottima idea disseminarli in appositi contenitori su tetti, terrazzi e balconi.

Mantenere sempre la massima igiene

Infine un consiglio sempre valido per l’igiene generale della casa: vanno spazzate via le briciole presenti sul balcone, poiché la loro presenza attira piccioni ed altri animali. Anche le ciotole con il cibo degli animali domestici potrebbero attirare i volatili, quindi vanno tolte o pulite quando il peloso di casa ha finito di mangiare.

Tags fai da te

Share this post

No comments

Add yours

Rispondi